Condividi: Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su OKNOtizie Segnala via e-mail

“Emilio Vedova. Opere di collezione” a Palazzo Branciforte

20 lavori realizzati dall’artista tra il 1945 e 1988

“Emilio Vedova. Opere di collezione” a Palazzo Branciforte

Venerdì 3 febbraio alle ore 17:30, inaugura, presso la Sala della Cavallerizza di Palazzo Branciforte, la mostra Emilio Vedova. Opere di collezione, a cura di Francesco Gallo Mazzeo, promossa dalla Fondazione per l’Arte e la Cultura Lauro Chiazzese con il sostegno della Fondazione Sicilia.
 
L’esposizione rilegge, attraverso 20 lavori realizzati dall’artista tra il 1945 e 1988, un segmento temporale ampio, che articola nel tempo la straordinaria esperienza di Emilio Vedova, partecipe di fatti storici e sociali, fonte di cambiamenti culturali fondamentali per il Paese, orientandone fortemente le influenze culturali.
 
Sarà pubblicato da AFA edizioni un catalogo bilingue (italiano/inglese) con apparato critico e iconografico, con i contributi testuali di Antonella Purpura, Agata Polizzi e Francesco Lauretta.
 
La mostra si inserisce in un più ampio progetto dedicato all’arte contemporanea dal titolo Contaminatio, che indagherà l’incrocio e il dialogo tra differenti codici artistici, una riflessione che, partendo dal collezionismo di provenienza privata, diventa riflesso inevitabile per osservare il clima che si respira attorno ai linguaggi del contemporaneo, anche in senso più ampio e trasversale.
In quest’ottica, il ciclo di rassegne che nei prossimi mesi si svolgerà tra Villa Zito e Palazzo Branciforte vedrà protagonisti, tra gli altri, Alighiero Boetti, Tomás Saraceno, Gianni Politi, e prenderà spunto dalle collezioni permanenti per metterne in dialogo i contenuti e i linguaggi formali con le espressioni artistiche contemporanee. Contaminatio coinvolgerà, nell’arco di un triennio, artisti affermati nel panorama internazionale che dialogheranno, di volta in volta, con le opere della collezione permanente anche attraverso mostre site specific.
Il progetto, ragionando su opere provenienti da importanti collezioni internazionali, vuole, dunque, interrogarsi sul valore di un pratica complessa quale è il collezionare, rimettendola in discussione in un dialogo attuale tra il linguaggio di artisti, differenti per espressione e tempo, ma legati dalla contemporaneità, mettendoli volontariamente in rapporto con gli spazi fortemente significativi della Fondazione Sicilia che custodiscono straordinarie collezioni e un patrimonio testimonianza delle storia e della civiltà dell’Isola, dalla Preistoria al Novecento. “Un patrimonio- afferma Giovanni Puglisi, Presidente della Fondazione per l’Arte e la Cultura Lauro Chiazzese – che rimanda al valore della memoria, alla riflessione sulla propria storia e le proprie origini, alla tradizione come elemento fondante per la costruzione del futuro ed alla peculiarità della cultura come fattore strategico di sviluppo”.
 
La mostra rimarrà visitabile fino al 23 aprile 2017 ai seguenti orari: dal martedì alla domenica, dalle ore 9:30 alle 14:30 (sino al 28 febbraio 2017); dal martedì alla domenica, dalle ore 9:30 alle 19:30 (dal 1° marzo 2017); lunedì chiuso.
 
I biglietti al Palazzo Branciforte e alla Sala della Cavallerizza sono acquistabili presso la biglietteria dello stesso, fino a un’ora prima dell’ora di chiusura delle visite:
- Intero 7,00 €
- Ridotto 5,00 € per gruppi di minimo 15 persone, maggiori di 65 anni e titolari di apposite convenzioni
- Ridotto 3,00 € Sala della Cavallerizza.



Tag:

AFA edizioni

,

Emilio Vedova

,

Emilio Vedova. Opere di collezione

,

eventi

,

Fondazione per l’Arte e la Cultura Lauro Chiazzese

,

Fondazione Sicilia

,

Francesco Gallo Mazzeo

,

Palazzo Branciforte

,

Palermo



Per maggiori info: www.palazzobranciforte.it
Guarda l'evento su Facebook
Panormita.it