Condividi: Condividi su facebook Condividi su twitter Segnala via e-mail

Al via “Manifesta 12″, la Biennale d’arte contemporanea a Palermo

Il programma dell'anteprima e altre info utili

Al via “Manifesta 12″, la Biennale d’arte contemporanea a Palermo

Manca pochissimo all’apertura di Manifesta 12, la biennale nomade europea di arte e cultura contemporanea che si svolgerà a Palermo dal 16 giugno al 4 novembre 2018.
 

Cos’è Manifesta

 
Manifesta è la Biennale nomade europea di arte e cultura contemporanea e nasce nei primi anni ’90 in risposta al cambiamento politico, economico e sociale avviatosi alla fine della Guerra fredda e con le conseguenti iniziative in direzione dell’integrazione europea.
 
La Biennale si è progressivamente evoluta in una piattaforma per il dialogo tra arte e società in Europa, consolidandosi come progetto culturale site-specific che reinterpreta i rapporti tra cultura e società attraverso un dialogo con l’ambito sociale.
 
Manifesta è stata fondata ad Amsterdam dalla storica dell’arte olandese Hedwig Fijen, che ancora oggi la guida.
 
Quest’anno, il tema dell’edizione numero 12 di Manifesta è “Il Giardino Planetario. Coltivare la coesistenza”. La Biennale coinvolgerà numerosi artisti provenienti da tutto il mondo e progretti artistici fruibili in 10 venue di cultura in tutta la città.
 
Dal 14 al 17 giugno, quattro giorni di anteprima aperti al pubblico, a ingresso libero.
 
Durante la manifestazione sono previsti anche numerosi eventi collaterali. Qui una lista completa.

L’anteprima dal 14 al 17 giugno: ecco il programma

 
Giovedì 14 giugno alle ore 17:00, si comincia con l’incontro con Laura Poitras, premio Oscar 2015 per il miglior documentario con “Citizenfour” in conversazione al Teatro Garibaldi con il giornalista danese Henrik Moltke.
 
Alle ore 20:00 è previsto l’Opening di Manifesta 12 Studios al Mulino di Sant’Antonino (corso Tukory, 2e), la mostra dedicata al progetto di Ippolito Pestellini Laparelli, Creative Mediator di Manifesta 12 e partner di OMA. Durante tutto l’anno, infatti, sono stati condotti dei laboratori di ricerca sulla città in collaborazione con quattro università, ovvero l’Università degli Studi di Palermo – Dipartimento di Architettura, The Architectural Association School of Architecture di Londra, The Delft University of Technology, The Royal College of Arts di Londra.
 
Venerdì 15 alle 12:00, è in programma la perfomance dell’artista performativa croata Nora Turato all’Oratorio di San Lorenzo (via Immacolatella, 1), che replicherà la propria performance sabato 16 alle 12:00 e domenica 17 alle 12:00 e alle 18:00.

Alle 15:30 si potrà assistere, invece, alla performance Jelili Atiku, pioniere della performance art contemporanea in Nigeria, che partirà dal Foro Italico per raggiungere i Quattro Canti.
 
Alle 15:30 è, inoltre, prevista l’inaugurazione del progetto Education Hub a piazza Magione, progetto del Dipartimento Educazione di Manifesta 12, realizzato in collaborazione con l’Università e l’Accademia di Belle Arti di Palermo e la società per il trasporto pubblico AMAT. Il progetto è promosso da DGAAP, Direzione Generale Arte e Architettura contemporanea del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. L’Hub è una piattaforma itinerante, il cui obiettivo primario è quello di coinvolgere in modo diretto nei progetti di Manifesta le diverse comunità dei diversi quartieri di Palermo: un vecchio bus dismesso i cui interni ed esterni sono stati interamente trasformati nel corso dell’anno dagli studenti dell’Università di Palermo (Dipartimento di Disegno Industriale) e dell’Accademia di Belle Arti (Dipartimento di Grafica) sotto il coordinamento dello studio di architettura di Madrid ENORME Studio.
 
Alle 18:00 al Teatro Massimo (piazza Verdi), la Borderless Conference, un incontro dedicato ai temi cruciali nell’ambito della dialettica globale in materia di mobilità internazionale, attraverso prospettive artistiche, teoriche e politiche.
 
Alle 20:30, andrà in scena con diretta streaming a piazza Verdi (biglietti a 1,00 € acquistabili direttamente al botteghino del Teatro) Bintou Were. A Sahel Opera, opera africana su libretto di Wasis Diop e Koulsy Lamko e musica di Ze Manel, realizzata dal Massimo in collaborazione con l’Orchestra e il Coro interculturali del Conservatorio di Palermo.
 
Sabato 16 giugno si comincia alle 11:00 con la performance dell’artista italiana Matilde Cassani, uno spettacolo pirotecnico diurno, pensato per i Quattro Canti di Palermo.
 
Alle 17:00 sarà la volta di Marinella Senatore, con “Palermo Procession”, una performance processionale che si snoderà da piazza Santa Chiara fino al Foro Italico.
 
Alle 20:00 è prevista la Cerimonia ufficiale di apertura di Manifesta 12 a piazza Magione, alla presenza della direttrice di Manifesta Hedwig Fijen e del Sindaco Leoluca Orlando.
 
Domenica 17 giugno la Biennale aprirà ufficialmente al pubblico. Il primo appuntamento è alle 10:00, con la perfomance di Patricia Kaersenhout, artista visiva e attivista olandese, all’interno del suo spazio espositivo, a Palazzo Forcella De Seta (Foro Italico Umberto I).
 
Sono poi previsti una serie di incontri dedicati alle tematiche legate alla mobilità internazionale al Teatro Garibaldi: alle 11:00 “Borderless: Imagining a Borderless Future?”, in cui gli artisti di Manifesta 12 saranno invitati a intervenire; alle 16:00, “Borderless: Liquid Violence”, con Forensic Oceanography, duo artistico che conduce una ricerca critica sui fattori spaziali ed estetici che hanno trasformato il Mar Mediterraneo in un’area di confine militarizzata e alle 18:30 “Borderless: Black Med, Talk and listening session” a cura di Invernomuto, duo artistico che predilige l’immagine in movimento e il suono come mezzi di ricerca privilegiati.
 
Fra il 15 e il 19 giugno, infine, sarà possibile visitare, l’installazione del duo artistico milanese Masbedo all’Archivio di Stato (via Vittorio Emanuele 31).
 
Per i giorni di anteprima sono previsti degli Open tour gratuiti:

  • Venerdì 15 giugno,12-13.30,
Free Open Tour (IT): Garden of Flows all’Orto Botanico di Palermo
  • Venerdì 15 giugno, 12-13.30,
Free Open Tour (IT): Garden of Flows a Palazzo Butera
  • Sabato 16 giugno, 10-11.30,
Free Open Tour (IT): City on Stage a Palazzo Costantino
  • Sabato 16 giugno, 10-11.30,
Free Open Tour (IT): Out of Control Room a Palazzo Forcella De Seta
  •  
    Per iscriversi agli Open Tour è necessario registrarsi di persona alla biglietteria del Teatro Garibaldi nel giorno stesso in cui si desidera partecipare alla visita. Per ulteriori informazioni sui tour con i Giardinieri, è possibile visitare: www.manifesta12.org/tours.
     
    Manifesta fa parte del programma di eventi di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.



    Tag:

    arte contemporanea

    ,

    Manifesta

    ,

    Manifesta 12

    ,

    Palermo

    ,

    Palermo Capitale della Cultura



    Guarda l'evento su Facebook
    Panormita.it