Condividi: Condividi su facebook Condividi su twitter Segnala via e-mail

Nosferatu il vampiro

Cinema in note al Goethe-Institut

Nosferatu il vampiro

Per il ciclo “Cinema in note”, verrà proiettato “Nosferatu, eine Symphonie des Grauens” (Nosferatu il vampiro), accompagnato dalle musiche composte ed eseguite dal vivo da Calvagna/Nicosia/Tomarchio/Barbagallo (modern jazz):
- Pietro Calvagna (chitarra, pianoforte)
- Salvatore Nicosia (batteria)
- Rosario Tomarchio (contrabbasso, basso elettrico)
- Salvo Barbagallo (strumenti a fiato)

Per i cinquant’anni di attività, il Goethe-Institut di Palermo dedica un intero ciclo della consueta rassegna cinematografica “la deutsche vita” a 12 pietre miliari del primordiale cinema muto tedesco – che all’epoca ispirò il resto del mondo, anche grazie ai suoi mirabolanti effetti speciali – con musiche originali eseguite dal vivo e quasi tutte in prima esecuzione assoluta.
Così, insieme alla visione delle immortali opere silenti (perlopiù presentate in versioni restaurate), risalenti al periodo 1919-1929 e firmate dai padri dell’Espressionismo, e non solo – come Murnau, Lang, Pabst, Wiene, Wegener, Leni, May – sarà possibile, grazie alla collaborazione con Curva minore, apprezzare le musiche di alcuni fra i più rinomati artisti provenienti da tutta la Sicilia, che offriranno all’auditorio interpretazioni che spaziano fra diversi generi musicali – dal jazz alla musica classica, dalla contemporanea all’elettronica o all’etnopop – da sposare alle immagini di questi dodici capolavori cinematografici.

Regia: Friedrich Wilhelm Murnau
Sceneggiatura: Henrik Galeen, da “Dracula” di Bram Stoker
Interpreti: Max Schreck, Gustav von Wangenheim, Greta Schroeder, Alexander Granach, Max Nemetz
Produzione: Prana Film GmbH; Germania, 1922, 94’, muto, b/n, copia restaurata

Hutter, agente immobiliare, parte da Wisborg alla volta dei Carpazi, dove risiede il tetro conte Orlok. Costui, non potendo sopportare la vista del sole, dorme di giorno e si nutre di sangue di notte, e manifesta presto la sua strana natura, poiché riposa dentro una bara. Il malcapitato visitatore gli sfugge e intraprende una corsa contro il tempo per ritornare da sua moglie, adocchiata dall’assetato mostro che si è subito imbarcato per raggiungerla.
Il film-simbolo dell’Espressionismo è un adattamento non dichiarato (per questioni di diritti) del “Dracula” di Bram Stoker. Murnau sfruttò ottimamente le possibilità del mezzo cinematografico, affidandosi a montaggio e trucchi (per esempio, lasciando qualche inquadratura in negativo). Secondo alcuni, dietro il misterioso protagonista Schreck si celava il regista.



Tag:

cinema

,

Cinema in note

,

cinema muto

,

eine Symphonie des Grauens

,

film muto

,

Germania

,

Goethe-Institut

,

Goethe-Institut Palermo

,

il vampiro

,

lingua tedesca

,

musica dal vivo

,

Nosferatu

,

Nosferatu il vampiro

,

Palermo

,

proiezione cinematografica

,

tedesco



Per maggiori info: www.goethe.de
Panormita.it