Condividi: Condividi su facebook Condividi su twitter Segnala via e-mail

Little Louie Vega + Anané

Dj Set

Venerdì 07 Gennaio il Reloj apre la stagione 2011 con due nomi di tutto rispetto: “Little Louie Vega” e “Anané”; due Djs che continuano a scrivere intere pagine di storia della house music, riscuotendo tantissimo successo tra i migliori club di tutto il mondo. Per la prima volta Palermo protagonista di un tour mondiale tra Barcellona, Miami, New York, Londra, Tokio, Hong Kong, etc.
Anané, la moglie di Vega, cantante e Dj, aprirà le danze già dalle ore 22,00 lasciando più tardi la consolle al fondatore della MASTERS AT WORK, Little Louie Vega.
Sarà una serata a dir poco spettacolare, con vibrazioni d’adrenalina che lasceranno il segno nella storia del Reloj.
Il “Mito” ripercorrerà i suoi successi e le hits del momento della Vega Record nel segno dell’esclusività e mondanità!!!

Programma:
ore 20,00 Aperitivo/Buffet (solo su prenotazione)
ore 22,00 Opening party

MASTERS AT WORK
Nel 1990 Little Louie Vega in collaborazione con “Kenny Dope Gonzales”, forma la “MASTERS AT WORK”, che prende il nome dall’invenzione dell’amico comune TODD TERRY e che costituisce un progetto ambizioso che ha come mission la produzione ed il remix di musica house di altissimo livello. Il duo “VEGA GONZALES” ha inoltre prodotto musica sotto i nomi: MAW, KenLou, Sole Fusion, e Nuyorican Soul; ed è proprio a quest’ultimo progetto che i due produttori devono tanto, soprattutto per il privilegio di avere collaborato con musicisti di musica latina, funky, disco e jazz di altissimo calibro, tra cui Vincent Montana Jr., Roy Ayers, George Benson, Celia Cruz, Jocelyn Brown, Tito Puente e vari membri della Salsoul Orchestra. Nel 1996 viene pubblicato l’omonimo album “Nuyorican Soul” che include brani originali e cover di canzoni di interpreti con cui il duo stava lavorando, come “Sweet Tears” (Roy Ayers) e “Runaway” (originariamente cantata da Loleatta Holloway con la Salsoul Orchestra) qui cantata da INDIA in collaborazione con alcuni dei musicisti che avevano collaborato alla versione originale del 1977.
MAW ha invece una storia come remixer, avendo riprodotto brani per vari artisti sia dentro che fuori il mondo della musica da ballo: MADONNA, DONNA SUMMER, JODY WATLEY, JANET JACKSON, JAMIROQUAY, EARTH WIND & FIRE e STEFANIE MILLS.

LITTLE LOUIE VEGA
“Little” Louie Vega è probabilmente uno dei più grandi innovatori della house music. Nato e cresciuto nel Bronx nel 1965 (uno dei quartieri più popolari e variopinti di New York City) subisce fin da piccolo le influenze musicali dei genitori: della mamma, grande appassionata di jazz, e del padre (di origini portoricane), che invece stravedeva per i ritmi latini, sassofonista e con un fratello che faceva parte di un gruppo salsa molto rinomato all’epoca.Queste influenze rimarranno una grande esperienza musicale per lui, tanto che diverranno presto un autentico “marchio di fabbrica” di tutta la produzione “louieveghiana”.
La svolta per Louie arriva da ragazzo, a 14 anni inizia a frequentare i primi ambienti hip-hop, una cultura che nacque qualche anno prima proprio nei quartieri neri delle metropoli americane (NYC in primis); fu proprio in questi giri che Louie Vega comincia a far girare per la prima volta due piatti, ottenendo nel 1984 il suo primo incarico come dj resident allo “Chez sensual”. In questi ambienti conobbe un ragazzo, un “nigga” del Bronx, con cui stringe un’amicizia e una collaborazione artistica destinata a lasciare un’impronta pesante nel mondo della musica: Kenny “dope” Gonzales, un dj che all’ epoca suonava funk e breakbeat, come tutti i dj dell’ hip-hop. In quel momento lo stile di Louie Vega era già ben definito, il talento nel vedere oltre i confini delle etichette spesso attaccate ai generi musicali, e i suoi set erano già un crossover di latin, garage e dischi pop e rock come ad esempio “pride” degli U2.
Ma c’è un altro incontro fondamentale per Louie: una ragazza, India, di 9 anni più giovane di lui e bellissima, con trascorse esperienze da modella e, piccolo particolare, una voce meravigliosa. Nacque subito l’amore, e non solo dal punto di vista artistico (i due ora sono divisi, e Vega è assieme ad un’altra cantante: Anane). Lei finora ha impiegato la sua voce per dischi salsa ma Louie, che si era affacciato al mondo della house, notò che le sue prime produzioni hip-hop/r’n'b stavano strette ad una voce potente, sensuale, dolce e malinconica come la sua. Inizia a riprodurre per lei le prime basi house che affascineranno tutto l’ambiente, consegnando al mondo una nuova “house diva”: India. Numerose sono le collaborazioni tra i MAW e India: “Runaway”, “Love and happines”, “To be in love” e “Backfired” solo per citare alcuni dischi, diventati dei classici senza età.
Nel frattempo il progetto Maw si è evoluto, fino a diventare una label (MAW records) al top nel mondo house, e Louie Vega ha imposto al mondo il suo stile fatto da una mescolanza di deep, jazz, latin, accompagnata da groove potenti e coinvolgenti. Louie spesso si esibisce con l’amico e partner Kenny Dope, creando set coinvolgenti e sofisticati soprattutto nelle serate “masters at work” da loro organizzate; si esibiscono insieme a ballerini, percussionisti, vocalists, e naturalmente la bellissima India.
La più grande soddisfazione nella carriera di Louie arriva nella notte del 7 febbraio 2006: infatti a New York, durante la cerimonia per la consegna dei Grammy viene chiamato sul palco a ritirare il mitico grammofono d’oro, vincendo la categoria “best remix” con il remix di “Superfly” di Curtis Mayfield.C’è anche da dire, che due anni prima Vega venne premiato vincendo il grammy con lo splendido “Lei lo Lai” di “The Latin Projcet”, versione successivamente rieditata, marchiata Masters at Work.
Nel 2000 vi è la collaborazione con un altro grande producer americano, Blaze. Blaze non è uno pseudonimo per un’artista o un singolo, bensì il nome di un gruppo, Kevin Hedge dj, Josh Milan cantante. Sono gli unici componenti, una coppia, che unita alla maestria di Vega, scrisse “Elements of Life”, canzone cantata appunto da Josh Milan.La leggerezza e la vitalità di Elements of Life conducono Louie Vega e Blaze nel 2002 a riapparire con un featuring,dal quale ottennero un altrettanto eccellente brano “Brand New Day”.Nel 2003 il proggetto di Vega è ben consolidato e così esce la compilation “Elements of Life” co-prodotta e mixata da Vega, ma questo non è solo un cd semplice per Louie Vega, questo è quello con cui forse si concentrerà di piu negli anni successivi fino ad oggi. “Elements of Life Extention” esce nel 2004 e consolida la partecipazione di Blaze piu specialmente di Josh Milan, di Anane cantante e presentata al pubblico con il vinile contente “Mon Amour” e “Nos Vida” inclusi nella prima edizione di Elements of Life.A circondare Vega non sono solo cantanti, ma tastieristi, percussionisti da lui stesso lanciati come Luisito Quintero, o chitarristi Raul Midon, Mike Ciro. Insomma una vera e propria band che musicalmente non è piu molto house ma funk, jazz, soul, sempre con uno spirito di fondo molto latino. Sarà con questa infatti che nel 2005 inaugurerà il primo tour, dopo aver fatto nel 2004 apparizzioni in diversi festival jazz e all’Arezzo Wave..

ANANE’ VEGA
Ananè Vega, una tra le più note dj/singer del panorama house internazionale, impegnata in un tour mondiale per il suo ultimo lavoro “Ananesworld”. Dopo meno di un anno con l’esibizione nel noto talk show di Italia 1 “Chiambretti night” in compagnia del marito, Louie Vega condotto da Piero Chiambretti (dove si sono “esibiti” personaggi del calibro di Josè Mourinho, Giuseppe Tornatore, Emmanuel Milingo, Mike Tyson, lele Mora e Maurizio Costanzo), arriva quella che la rivista Billboard descrive come la “combinazione di radici e mondanità con il fascino e la conoscenza della musica roots-deep house e il mondo del pop”.
Nata a largo della costa occidentale d’Africa a Capo Verde, è orgogliosissima delle sue origini e tradizioni africane/portoghesi. A New York incontra il dj/produttore Louie Vega che la fa entrare come parte integrante del suo gruppo “Elements of life” e la porta a girare in alcuni dei più rispettati festival del mondo, tra cui Blue Note in Giappone, il Montreaux Jazz, Finland’s Pori Jazz, Holland’s North Sea Jazz Festival, Cape Town’s Jazz e il UK’s own Womad Festival. Nel 2007 prende parte allo spettacolo “Cirque De Soleil”. Ha “ritoccato” la famosissima “Let Me Love You” di Bunny Mackla quale è la prova provata di lasciare il suo tocco su ogni brano, come la sua versione di “Walking On Thin Ice”. Uscita con anticipo dall’album Ananesworld su Nervous records il singolo “Let’s Get High (life, love, music)” un sicuro successo estivo remixato da Louie Vega e Yves LaRock. La cantante con il cuore d’oro accoglie i suoi fan in tutto il mondo nel suo mondo con “Ananesworld,” il suo secondo uscito nel febbraio 2010 sulla Nervous Records.



Tag:

Anané

,

Little Louie Vega

,

nightlife

,

Palermo

,

Reloj



Per maggiori info: www.reloj.it
Guarda l'evento su Facebook
Panormita.it